Progetti

k

progetti INFANZIA

La nostra scuola organizza le proposte educative e didattiche espandendo e dando forma alle prime esplorazioni, intuizioni e scoperte dei bambini attraverso un curricolo esplicito; elabora nel corso dell’anno progetti (U.D.A) nelle quali vengono esplicitate percorsi didattici, le esperienze e le attività proposte ai bambini.

IL POLPO OTTAVIO

Nell’anno scolastico 2019/2020 insieme ai bambini abbiamo sviluppato un progetto d’ accoglienza “il Polpo Ottavio”, tale progetto parte dalle esigenze di rassicurazione e di contenimento delle emozioni non solo dei bambini nuovi iscritti ma, di tutti i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia. Attraverso tale racconto accompagneremo i bambini in un viaggio sottomarino dove il personaggio farà nuove amicizie e scoprirà quanto sia importante instaurare e mantenere nuove relazioni. I bambini impareranno a giocare insieme vincendo le proprie ansie accompagnanti dai compagni e dagli adulti. Accogliere è proprio questo: non avere paura del nuovo e del “non conosciuto”, fidarsi e affidarsi consapevole di una bellissima occasione di crescita.

IL DIRITTO DI ESSERE UN BAMBINO

(Progettazione per l’anno scolastico 2019/2020 delle sezioni 3, 4, 5, anni)

Ogni bambino è soggetto di diritti e prioritariamente porta in sé quello di essere rispettato e valorizzato nella propria identità, unicità, differenza, con i propri tempi di sviluppo e di crescita. Il nostro intento è quello di partire dal bambino, metterlo al centro del processo educativo, porsi in una relazione d’ascolto, seguirlo nel suo processo di crescita: questi sono i principi su cui Maria Montessori ha fatto leva per imprimere una svolta rivoluzionaria al pensiero pedagogico del ‘900.

LA CONVENZIONE DELL’ONU sui principi fondamentali dei diritti dell’infanzia sottolinea che ogni stato si faccia carico della preparazione dei bambini ad una vita individuale e della società che sia coerente con gli ideali di pace, dignità, libertà, uguaglianza e solidarietà.

LE INDICAZIONI NAZIONALI DEL 2012: “…la scuola dell’infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, delle competenze e della cittadinanza. Sviluppare il senso di cittadinanza significa scoprire gli altri, i loro bisogni e la necessità di gestire i contatti attraverso regolo condivise, che si definiscono attraverso le relazioni, il dialogo, l’espressione del pensiero, l’attenzione al punto di vista dell’altro, il primo riconoscimento dei diritti e dei doveri.

Il diritto di essere un bambino

“il fatto di aver trascurato e dimenticato i diritti del bambino (…),

di continuare ad ignorare il suo valore, il suo potere e la sua natura,

dovrebbe suscitare la più veemente reazione dell’umanità;

l’adulto e il bambino devono unirsi;

l’adulto deve farsi umile e imparare ad essere grande”.

Maria Montessori

INGLESE

PROGETTO DI LINGUA INGLESE: “UN GIORNO DA BILINGUE”

 Il progetto d’inglese si svolge in collaborazione con una madrelingua, un’ora a settimana.

 L’esperto propone giochi, canzoni e attività laboratoriali di stampo comunicativo. Il tema degli interventi è stabilito in stretta collaborazione con gli insegnanti di classe in modo da accompagnare e rafforzare il percorso didattico prescelto.

A livello contenutistico il progetto si basa su semplici elementi di lessico e strutture di base, appropriati per fascia d’età prescolare (es. colori, animali, parti del corpo e forme verbali di uso quotidiano).

RELIGIONE

PROGETTO RELIGIONE: “NOI, BAMBINI COME GESU’ ”

Il progetto dell’insegnamento della religione cattolica contribuisce alla formazione e allo sviluppo armonioso della personalità del bambino.

Vengono valorizzate e promosse riflessioni sul patrimonio di esperienze e tradizioni religiose mentre si accompagnano le tappe più significative dell’anno liturgico della chiesa cattolica.

Motoria

PROGETTO PSICO-MOTRICITA’: “CRESCERE GIOCANDO”

Il progetto è realizzato da un esperto dell’associazione Sunny Day e si svolge in incontri da 45 minuti ciascuno.

Il fine di questi interventi e l’acquisizione di un alfabeto motorio base e di un coinvolgimento di tutti gli aspetti della personalità del bambino: l’armonia del movimento corporeo, la formazione cognitiva, intellettiva e creativa e anche la capacità di relazione e comunicazione.

Il metodo utilizzato è la drammatizzazione del gioco: giochi costruiti attorno a storie, leggende o favole dove primeggia il comunicare con il proprio corpo.

Grazie alla guida e agli stimoli dell’insegnate, i bambini imparano piano piano a conoscere e a controllare il proprio corpo e le proprie emozioni per affrontare situazioni individuali e di gruppo per far crescere sempre più la consapevolezza di sé nella liberà dei movimento.

Musica

PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE:

La musica, nei primi anni di vita concorre, alla crescita e alla formazione della persona e influisce sullo sviluppo cognitivo, emotivo e psico-motorio.

Fare esperienze musicali fin da bambini è indispensabile per stimolare e guidare la loro naturale musicalità, al fine di aiutarli a costruire forme sonore più razionali ed espressive che permettono ai bambini di acquisire sempre maggiore consapevolezze delle proprie azioni “sonore”.

Il progetto, a cura di un esperto, inizia presentando ai bambini gli strumenti a disposizione: nomi e relativi suoni. Successivamente provando a suonare gli strumenti scoprendo, inventando e ascoltando il suono da essi prodotto.

Acquaticità

“ONDINE IN PISCINA”

L’esperienza dell’acqua nell’infanzia ricopre un’importanza notevole sia dal punto di vista motorio, cognitivo e affettivo.

L’acqua in quanto elemento fluido rende più facile l’acquisizione dello schema corporeo, del movimento armonico e del rilassamento.

L’aspetto cognitivo si esprime nella presa di coscienza di sé sia somatica, attraverso la sensorialità tattile e di movimento, che psicologica, intesa come consapevolezza delle proprie abilità e come spinta per scoprire l’ambiente circostante.

Il modo piacevole con cui il bambino vive questa esperienza, ci conduce all’importanza che tale attività ricopre all’interno dell’aspetto affettivo, l’elemento acqua rappresenta per il bambino un’esperienza affettiva intensa che lo aiuta a costruire rapporti sociali sereni e fiduciosi.